Coronavirus: anche il Salone del libro salta dopo Libri Come e Book Pride

A Torino contano di recuperare, forse in settembre. Sperano nell’autunno anche la fiera romana e quella milanese. Rischio ingorgo

Il Salone del Libro di Torino. Fonte: Wikipedia

Il Salone del Libro di Torino. Fonte: Wikipedia

redazione 16 marzo 2020
Anche il Salone internazionale del Libro di Torino tira giù il bandone per il Coronavirus. Salta il turno di primavera fissato dal 14 al 18 maggio e, per non perdere l’anno e l’edizione numero 33, spera di recuperare in settembre.

Dopo che la settimana scorsa l’edizione 2020 di “Libri come” all’Auditorium di Roma è stata annullata, dopo che il “Book Pride” di Milano in calendario dal 17 a 19 aprile è stato rimandato, anche il principale appuntamento italiani di libri ed editoria ha dovuto rinunciare all’appuntamento di maggio per l’emergenza Coronavirus. A data da destinarsi, forse a settembre. D’autunno si creerà quasi sicuramente un ingorgo culturale, in tutti i settori, dato che chi può rinvia ai mesi dopo l’estate mentre altri dovranno cancellare l’appuntamento di quest’anno.

Il direttore e scrittore Nicola Lagioia ha detto di sperare che il Salone sigli “il ritorno festoso alla normalità”. Ma non ha potuto certo indicare le date: gli organizzatori dovranno decidere con le istituzioni, con i partner, con Lingotto Fiere. Il programma, ha aggiunto, “resterà in parte lo stesso, in parte cambierà. Il Salone è abituato a lavorare nelle difficoltà”. Essenziale, per Lagioia, sarà che gli editori vi partecipino “per permettere al mondo del libro e della lettura di tornare sulla scena".

Il Book Pride , fiera dell’editoria indipendente, ha già dovuto rinunciare alle date di aprile della sesta edizione alla Fabbrica del Vapore milanese. Gli organizzatori (il Circolo dei lettori) contano su un rinvio, quindi in autunno. Ma dovranno evitare sovrapposizioni con il Salone torinese. Alla direzione artistica c’è lo scrittore Giorgio Vasta, alla direzione generale Isabella Ferretti.

Come detto, è stato appunto annullata la bella manifestazione romana “Libri come”, sottotitolo “Festa del libro e della lettura”, che doveva svolgersi all’Auditorium Parco della musica dal 12 a questa domenica 15. Il tema scelto era il “Coraggio”. Anche in questo caso si spera in un posticipo: o in estate oppure, da notizie sul web, in ottobre. Il rischio di sovraffollamento sarà alto in ogni settore. “Libri come” è prodotto dalla Fondazione Musica Per Roma, lo curano Marino Sinibaldi, Michele De Mieri, Rosa Polacco.