Top

Editoria 2022: si prospetta un autunno ricco di libri da leggere e autori da scoprire

Tra gli autori delle novità che troveremo in libreria a partire da settembre ci sarà Alessandro Piperno, Cristina Comencini, Antonio Scurati, Raffaele La Capria postumo e molti altri

libri

redazione Modifica articolo

23 Agosto 2022 - 17.07


Preroll

di Azzurra Arlotto

OutStream Desktop
Top right Mobile

Tra le novità di punta della narrativa italiana che ci aspettano in libreria al rientro dalle vacanze, in un autunno ricco di proposte editoriali, grandi autori, sorprese ed esordi troviamo Il “Proust senza tempo” edito da Mondadori di Alessandro Piperno, che uscirà a un secolo dalla morte di Marcel Proust avvenuta il 18 novembre 1922, l’uscita postuma per Mondadori di Lettere 1951-2022 (titolo non ancora definitivo), una preziosa e inedita raccolta di scambi epistolari tra Raffaele La Capria, morto il 29 giugno 2022, e alcuni degli intellettuali e scrittori più conosciuti della letteratura italiana contemporanea da Claudio Magris a Sandro Veronesi, da Emanuele Trevi a Silvio Perrella, passando per Pier Paolo Pasolini, Inge Feltrinelli, Roberto Bobbio, Edoardo Albinati e Pietro Citati. Cristina Comencini presenterà il suo nuovo romanzo dal titolo Flashback, edito da Feltrinelli, in cui narra la Comune di Parigi, la Rivoluzione bolscevica, la Resistenza, la Rivoluzione sessuale attraverso quattro donne come tante e per questo straordinarie.

Middle placement Mobile

Al ritorno dalle vacanze ci attenderà in libreria anche il nuovo binomio del legal thriller italiano formato dallo scrittore Alessandro Perissinotto e dall’avvocato Piero d’Ettorre, con Cena di classe. Il primo caso dell’avvocato Meroni edito da Mondadori. Isolamento ed esclusione sono i temi che uniscono invece i tre racconti di Uscire dal mondo edito da Rizzoli di Edoardo Albinati con un giovane detenuto che nessuno è in grado di salvare, un frate cappuccino sul quale piovono le dicerie di una intera comunità e un musicista misantropo alla resa dei conti con la vita. E ancora Sogno bianco, edito da Rizzoli, scritto da Gabriele Romagnoli in cui racconta, tra la prima guerra mondiale e il 2037, la scomparsa del più importante ghiacciaio italiano. Mentre un magico cammino a piedi, da Piazza Duomo alla Riviera di Levante, è quello che percorre Enrico Brizzi ne Il mare bagna Milano edito da Ponte alle Grazie. Un modo nuovo di vedere Roma viene proposto da Corrado Augias in La fine di Roma. Trionfo del cristianesimo, morte dell’Impero edito da Einaudi.

Dynamic 1

Una nuova lettura della Recherche viene proposta da Giovanni Bottiroli in Marcel Proust. Il romanzo del desiderio, edito da Feltrinelli, in cui ci mostra come Proust abbia saputo esplorare, come nessun altro scrittore, l’universo governato da desiderio, amore e gelosia. Alessandro Baricco torna con un saggio dal titolo La Via della Narrazione, edito ancora una volta da Feltrinelli, dopo il successo di Quel che stavamo cercando, in cui ci fa vedere come le storie, le trame e i personaggi ruotino intorno ad una componente chimica, la più misteriosa, lo stile. Tra le proposte inaspettate vi è quella di Massimo Bubola che in Sognai talmente forte edito da Mondadori ripercorre e ricrea le sue canzoni più̀ celebri e le ripropone in una nuova forma d’arte, quella del romanzo. Arriverà prossimamente nelle librerie anche il primo romanzo di Luca D’Andrea per Feltrinelli: Il girotondo delle iene, ispirato alla vicenda vera del “Mostro di Bolzano” dal quale è in fase di sviluppo la realizzazione di una serie tv.

Bisognerà aspettare ottobre per il ritorno, a quattro anni di distanza dalla conclusione della Trilogia del Padre, del maestro del thriller italiano Sandrone Dazieri con Il male che gli uomini fanno (HarperCollins) sulla scomparsa di una ragazza, e per l’arrivo del nuovo romanzo dal titolo L’isola dei battiti del cuore di Laura Imai Messina, sul potere salvifico dell’amicizia. La scrittrice italiana che vive in Giappone, dopo il successo di Quel che affidiamo al vento, pubblica di nuovo con Piemme questa storia ambientata in un luogo magico e reale nel sud-ovest del Giappone. Andrea Pomella in un romanzo storico, politico, filosofico, lirico, documentario, davvero difficile da definire dal titolo Il dio disarmato edito da Einaudi, interseca i fatti pubblici con il racconto privato delle ultime otto ore di vita di Aldo Moro prima del sequestro.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile