Benigni legge Dante al Quirinale davanti a Mattarella e Draghi

L’attore in diretta Rai dalla presidenza il 25 marzo. Una miriade di appuntamenti danteschi: il link. E una mostra a Forlì con 300 opere

Victor Prouvé, Il secondo cerchio. I lussuriosi, 1889. Nancy, Musée des Beaux-Arts

Victor Prouvé, Il secondo cerchio. I lussuriosi, 1889. Nancy, Musée des Beaux-Arts

redazione 6 marzo 2021
Per i 700 anni dalla morte di Dante, per il “Dantedì” il 25 marzo Roberto Benigni leggerà un Canto della Divina Commedia al Quirinale davanti a Sergio Mattarella e Mario Draghi con una interpretazione che andrà in diretta Rai. Lo ha annunciato il ministro della Cultura (ex Beni culturali) Dario Franceschini presentando in conferenza stampa streaming le iniziative per la ricorrenza. Il Comitato nazionale Dante 2021 presieduto da Carlo Ossola, informa il dicastero, “ha finanziato circa 100 iniziative e patrocinato circa 400 eventi” più se ne aggiunge un autentico diluvio: per gli appuntamenti censiti e raccolti dal ministero vi rimandiamo al link ufficiale (clicca qui)
“Dante ha avuto una grande capacità di vedere oltre il proprio tempo – ha osservato il ministro - Siamo in un mondo che vede grandi trasformazioni, positive e negative, e avere la capacità di vedere più avanti rispetto al quotidiano è un grande insegnamento che dobbiamo avere e che i giovani potrebbero attrarre, vivendo la Divina Commedia non come una cosa che si deve studiare a scuola, ma anche come una cosa che può accompagnare per tutta la vita”.
Il “Dantedì” si celebra dal 2019. Rai Cultura frattanto stasera 6 marzo dalle 21.15 ha una serata tutta dantesca che comprende tra l’altro sette degli otto canti della Divina Commedia di Dante Alighieri recitati da Carmelo Bene nel 1981, nel primo anniversario della Strage di Bologna nella città emiliana, dalla sommità della Torre degli Asinelli”. Segue “Divina Commedia. Ballo 1265”, coreografie del 2015 di Virgilio Sieni con la regia tv di Felice Cappa con danzatori, cittadini e percussioni di Michele Rabbia. Infine l’attrice Lucilla Giagnoni dalle 23.15 con “Divina Commedia. Vespri danteschi” i Canti 6, 7 e 8 del Purgatorio e prosegue con la lettura integrale del poema fino al 25 marzo tutti i giorni in seconda serata su Rai5.  
Tra i tanti appuntamenti, la foto che pubblichiamo è un dipinto che sarà esposto a “Dante. La visione dell’arte” nei Musei San Domenico a Forlì dall’1 aprile all’11 luglio: una rassegna con trecento opere circa dal Medioevo al Novecento tra cui Giotto, Beato Angelico, Filippino Lippi, Lorenzo Lotto, Michelangelo, Tintoretto,Michelangelo, Tintoretto, fino a Sartorio, Boccioni, Casorati e autori del nostro tempo. 
La mostra è organizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e dalle Gallerie degli Uffizi da un’idea di Eike Schmidt, direttore del museo, e di Gianfranco Brunelli, direttore delle mostre della Fondazione forlivese. Firmano la curatela Antonio Paolucci e Fernando Mazzocca.
Il dipinto del pittore francese Victor Prouvé (Nancy, 1858 – Sétif, 1943) di cui pubblichiamo la foto sarà tra i pezzi esposti.