Voce della Shoah, chimico, alpinista: Primo Levi narrato ai ragazzi

Paolo Di Paolo descrive i tanti aspetti dello scrittore, oltre alla scrittura sull’Olocausto, in una collana per giovani lettori sui maestri del ‘900

Primo Levi nell’illustrazione di Giulia Rossi dalla copertina del libro edito da Nuova Frontiera

Primo Levi nell’illustrazione di Giulia Rossi dalla copertina del libro edito da Nuova Frontiera

redazione 16 gennaio 2020
In vista del 27 gennaio, Giorno della Memoria per commemorare le vittime del nazismo e combattere antisemitismo e razzismo, è opportuno ripensare anche a Primo Levi anche in letture a misura di giovani lettrici e lettori.

Voce fondamentale, nel mondo, della presa di coscienza di cos’era stato l’Olocausto, lo scrittore e chimico nella sua opera letteraria ha affrontati anche altri argomenti pur avendo quella tragedia sempre come sfondo. Ce lo ricorda il libro Primo Levi. La chimica delle parole (Nuova Frontiera editore, a cura di Paolo Di Paolo, illustrazioni a due colori di Giulia Rossi Formato, pp. 96, euro 13,50, per ragazzi dagli undici anni).

Da oggi in libreria il volume è inserito nella collana della casa editrice su “grandi autori del ’900, raccontati attraverso la loro vita e le loro opere da scrittori e studiosi contemporanei che dichiarano apertamente il loro amore e la loro gratitudine nei confronti di questi maestri”, dice la nota stampa. Nella stessa collana la casa editrice ha stampato un volume su Elsa Morante (a cura di Carola Susani, illustrazioni a due colori di Giulia Rossi, pp. 96, euro 13,50).

Di Primo Levi si descrive in questo libro la sua intelligenza aperta a molte porte, la sua poliedricità, il suo essere un chimico di professione come un alpinista provetto. Di Paolo lo immagina nel giorno di una importante intervista collegando ogni momento della giornata “a un aspetto della sua ricca e articolata esistenza: gli studi universitari, il lavoro in laboratorio, l’attivismo intellettuale, la scrittura, la famiglia, la deportazione, la popolarità”.

Il curatore, Di Paolo, scrittore che ha vinto il premio Mondello con Dove eravate tutti (Feltrinelli, 2011) ed è stato finalista al Premio Strega con Mandami tanta vita (Feltrinelli, 2013), scrive su quotidiani e saggi ma ha anche scritto libri per bambini: il racconto La mucca volante (Bompiani, 2014) e Giacomo il signor bambino (Rrose Sélavy, 2015), oltre ad aver curato per La Nuova Frontiera Junior nella collana Classici Illustrati La Divina Commedia.