Top

Il pianeta devastato da alieni e robot: Cavazzoni è da fantascienza

Lo scrittore dalla forte vena poetica e surreale pubblica il romanzo "La galassia dei dementi". In un'intervista alleggerisce il tono: "Amo le canzoni, non capisco l'ostracismo intellettuale"

Il pianeta devastato da alieni e robot: Cavazzoni è da fantascienza

redazione Modifica articolo

19 Marzo 2018 - 15.16


Preroll

“Amo le canzoni e non capisco l’ostracismo intellettuale di alcuni. A me piacciono le voci graffiate. E poi una canzone dà il senso del transitorio, qualcosa che ti getta nella bella malinconia”. Lo ha dichiarato lo scrittore Ermanno Cavazzoni a conclusione della lunga intervista ad Antonio Gnoli su “Robinson” della Repubblica di domenica 18 marzo scaturita dall’uscita del romanzo “La galassia dei dementi” (La nave di Teseo, Oceani, 670 pp., € 24), in libreria dal 22 marzo.
Lo scrittore nato a Reggio Emilia nel 1947 e di casa a Bologna, che ha collaborato con Federico Fellini alla sceneggiatura del film “La voce della luna”, tratto dal suo “Il poema dei lunatici”, pubblica ora un romanzo di fantascienza dove l’autore mantiene viva la sua vena surreale e poetica.
Ecco come la casa editrice riassume la trama del romanzo: “In un futuro dai confini incerti, in un paesaggio che assomiglia al Far West ma che è invece la pianura a volte nebbiosa, altre assolata, fra l’Emilia e la Romagna, tutto è cambiato. Siamo attorno all’anno 6.000 quando avviene la Grande Devastazione: un’invasione aliena ha distrutto le città lasciando dietro solo rovine, un’incredibile onda d’urto ha raso al suolo ogni sporgenza, ha fatto ribollire gli oceani, la popolazione umana è decimata ed è rintanata in case cubiche simili a termitai. Sono sopravvissuti però i sistemi industriali costruiti nel sottosuolo che continuano a produrre droidi, robot intelligenti che provvedono a ogni cosa e vivono assieme agli esseri umani. La tecnologia è al potere: governa, gestisce, organizza. Gli uomini sono liberi da ogni occupazione e lasciati al lassismo, all’obesità, alle strane manie che li afferrano, vivendo in aree urbane desolate e deserte. I coniugi Vitosi, fra i superstiti, passano il tempo collezionando grucce, oggetti vecchi e intrattenendosi con due robot da compagnia quasi erotica, una Dafne e un Piteco. Ma quando, a poco a poco, si sparge la voce che i robot immortali che avevano creato e amministrato questo nuovo mondo si sono ritirati, offesi dal carico delle incombenze e dalla mancanza di gratitudine a loro dovuta, il caos si propaga e inizia la vera catastrofe. Nuovi, improvvisi incendi sconvolgono le città, i robot domestici cominciano a delinquere, a darsi al brigantaggio e anche la Dafne e il Piteco decidono di scappare, preoccupati dai pericoli crescenti. Da giorni i notiziari riportano inoltre l’allarmante annuncio della fuga di un robot ritenuto molto pericoloso, uno Xenofon, che la Dafne e il Piteco saranno destinati a incontrare sul loro cammino. Su quello dei coniugi Vitosi e degli altri pochi umani sopravvissuti incombe invece un’altra minaccia, sotto forma di insetti giganti. Riusciranno a sopravvivere a questa nuova invasione aliena?”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile