Al via Festivalfilosofia 2021: la ventunesima edizione ci parla di libertà

Dal 17 al 19 settembre a Modena, Carpi e Sassuolo si svolgeranno lezioni, mostre, spettacoli, letture, attività per ragazzi e cene filosofiche. Tutte gratuite.

Festivalfilosofia2021

Festivalfilosofia2021

Redazione 14 luglio 2021
“Un’edizione figlia del Covid, perchè la libertà è una questione che questo tempo ci ha posto“, così presenta l'edizione di Festivalfilosofia 2021 Michelina Borsari, del Comitato scientifico, alla conferenza stampa. 
Festivalfilosofia 2021 sarà un appuntamento di tre date, da venerd' 17 a domenica 19 settembre, ed andrà ad animare le piazze di Modena, Carpi e Sassuolo. 

Oltre 150 appuntamenti, tutti gratuiti, con piazze e cortili che ospiteranno 45 lezioni magistrali in cui verie personalità del pensiero affronteranno le molteplici declinazioni del tema per discutere i modelli della libertà individuale e partecipativa, analizzando la sottile linea di confine tra libertà e sicurezza, che comporta anche una rivoluzione nella soggettività e nella vita privata.
Si parlerà della libertà in termini biologici, coinvolgendo anche la neuroscienza, si indagherà la libertà in relazione con il web e l'IA, l'intelligenza artificiale e robotica. 
“Sono tutte espressioni del capitalismo digitale con i processi decisionali automatizzati e regolati da algoritmi che decidono illudendoci di essere noi a scegliere, mentre siamo profondamente condizionati da meccanismi che ci sfuggono e tolgono spazio alla responsabilità individuale“, come sostiene Barbara Carnevali, esponente del Comitato Scientifico del Festival con Marc Augé, Michelina Borsari e Massimo Cacciari, sull'Ansa, per il quale “dobbiamo solo cercare di essere meno addomesticati possibile, resistendo alle intenzioni e l'agire della politica, la società e la tecnica, entrandovi sempre inevitabilmente in polemica e conflitto, trovandoci in bilico tra la nostra esigenza di non venir condizionati e la necessità di esserlo per poter convivere con gli altri“.

Tra i protagonisti che affronteranno tutti questi aspetti ci saranno personaggi come Umberto Galimberti, Massimo Caccciari, Massimo Recalcati, Michela Marzano, oltre a Paolo Benanti e Enzo Bianchi, da Maurizio Ferraris a Salvatore Natoli, da Chiara Saraceno a Carlo Sini e Maurizio Ferraris, cui si aggiungono come sempre nomi nuovi come quello di Luciano Floridi a Michael Ignatieff, Marc Lazar, Catherine Malabou. Ci sarà anche la sezione Lezione dei classici con studiosi che commenteranno i testi che sono punti di riferimento per il tema della libertà.

Ad arricchire il già vasto programma si aggiungono performance creative, mostre, musica e spettacoli dal vivo, oltre alle attività previste per i bambini. 

L'evento è stato promosso dal Consorzio per il Festivalfilosofia, di cui sono soci i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Fondazione Collegio San Carlo di Modena, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e la Fondazione di Modena.

Per il programma completo del Festival clicca qui.