Top

Il Campiello alle “Assaggiatrici” per Hitler di Rosella Postorino

La scrittrice vince nettamente il premio letterario. Come nello Strega, il primo posto a un’autrice e a una narrazione ispirata alla Storia del ‘900

Il Campiello alle “Assaggiatrici” per Hitler di Rosella Postorino

redazione Modifica articolo

16 Settembre 2018 - 13.28


Preroll

È Rosella Postorino la vincitrice netta del premio Campiello 2018 con il romanzo ispirato alla storia vera delle donne che assaggiavano cibi per Hitler, “Le assaggiatrici”, edito da Feltrinelli. La scrittrice ha ottenuto 167 voti sui 278 della Giuria Popolare dei Trecento Lettori Anonimi.
Secondo si è piazzato Francesco Targhetta con 42 voti per “Le vite potenziali” (Mondadori), terza la vincitrice dello Strega Helena Janeczek con “La ragazza con la Leica” (Guanda) alla quale sono andate 29 preferenze, quarto Ermanno Cavazzoni con “La galassia dei dementi” (La nave di Teseo), 25 voti, quinto Davide Orecchio con “Mio padre la rivoluzione” (Minimum Fax) che ha ottenuto 15 preferenze.
Come nel caso dello Strega, anche qui ha vinto una scrittrice e con una narrazione che rimanda alla Storia del Novecento e all’intrecciarsi fra destini personali, guerre e dittature fasciste e naziste.
I Trecento Lettori Anonimi del premio bandito da Confindustria Veneto ha il 52,2% di lettrici e il 47,8% di lettori. Per categorie sociali: 21 casalinghe, 41 imprenditori, 97 lavoratori dipendenti, 86 liberi professionisti e rappresentanti istituzionali, 30 pensionati, 25 studenti.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Premi Campiello, finale tra romanzi di fotografe, nazismo e fantascienza

Middle placement Mobile

Rosella Postorino, di Reggio Calabria, anno di nascita 1978, ha pubblicato i romanzi “

Dynamic 1

La stanza di sopra”, “L’estate che perdemmo Dio”, “Il corpo docile” e il saggio “Il mare in salita”. Vive a Roma.

 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile