Top

Bruce Willis dice addio al set a causa dell'afasia

Con un post pubblicato sui social media dalla famiglia, l'attore americano ha annunciato di ritirarsi dalle scene a causa di questo disturbo che impedisce di parlare correttamente

Bruce Willis dice addio al set a causa dell'afasia

redazione Modifica articolo

31 Marzo 2022 - 18.21


Preroll

Perdere la capacità di articolare parole o comporre frasi di senso compiuto è un grande limite per chiunque ne venga colpito e in particolare per chi usa il linguaggio per professione o solo per passione, come i comici, i cantanti e gli attori. Proprio per questo Bruce Willis ha dovuto annunciare il suo ritiro dal cinema. A soli 67 anni, l’attore americano è stato colpito da afasia, un disturbo del linguaggio che impedisce di parlare correttamente e di comprendere bene ciò che viene detto, con severe conseguenze a livello cognitivo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La dichiarazione è arrivata attraverso un post pubblicato sui social media dalla famiglia Willis, firmato dalla moglie Emma Heming, dall’ex moglie, Demi Moore e dai cinque figli, Rumer, 33 anni, Scout, 30 anni, Tallulah, 28 anni, Mabel, 9 anni e Evelyn, 7 anni. 

Middle placement Mobile

L’afasia è una patologia che colpisce il sistema nervoso, per definizione è “l’incapacità di esprimersi mediante la parola o la scrittura, o di comprendere il significato delle parole dette o scritte da altri, dovuta all’alterazione dei centri e delle vie nervose superiori.” Da un articolo su La Repubblica, rappresenta una delle conseguenze dell’ictus maggiormente disabilitanti con un impatto devastante sulle attività della vita quotidiana, sull’autonomia, sulle relazioni. In Italia il numero di persone afasiche in seguito a malattie cerebrovascolari si aggira attorno a 150.000-200.000 con un’incidenza annua di 2 nuovi casi per 1.000 abitanti per anno; a queste si devono aggiungere i soggetti affetti da afasia in seguito a traumi cranici o altre malattie. 

Dynamic 1

Secondo l’Aita – Associazioni Italiane Afasici nata nel 1994 – l’afasia si può curare con la logopedia, ma una completa remissione del disturbo, purtroppo è ancora assai rara.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile