Top

Michelangelo vi sorprenderà se lo fotografa Amendola

Dalla Pietà alle Cappelle Medicee, i capolavori dello scultore negli scatti del fotografo esposti a Firenze e riprodotti con una tecnica speciale

Michelangelo vi sorprenderà se lo fotografa Amendola

redazione

15 Dicembre 2017 - 11.09


Preroll

Aurelio Amendola è un fotografo in grado di svelare angoli e tagli sorprendenti e anche misteriosi delle opere d’arte. Soprattutto delle sculture di Michelangelo. I suoi scatti in bianco e nero diventano opere a sé, non semplici documenti. Il fotografo pistoiese espone una scelta di scatti a Firenze all’Accademia delle arti del disegno (istituzione plurisecolare accanto alla Galleria dell’Accademia, quella del David e dei Prigioni del Buonarroti) sotto il titolo “Affreschi digitali & dintorni” e fino al 6 gennaio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Allestita con la regia dell’architetto Alberto Bartalini, l’esposizione a ingresso gratuito propone le fotografie di Amendola “incentrate sui capolavori di Michelangelo e riprodotte attraverso la tecnica dell’affresco digitale su particolari superfici in cemento, oro, ossido di rame e ferro, fibre e trasparenze, successivamente ritoccate a mano, dell’azienda toscana Giannoni&Santoni di Perignano (Pisa)”.

Middle placement Mobile

Dalla Pietà in San Pietro alle sculture nelle Cappelle Medicee, si apre uno sguardo stupefacente sul Buonarroti. Presieduta da Cristina Acidini, storica dell’arte, ex soprintendente a Firenze, quella fiorentina è la più antica accademia d’arte del mondo occidentale, fondata da Giorgio Vasari e Cosimo I de’ Medici nel 1563. La mostra è chiusa la domenica dopo le 13 e il lunedì, altrimenti è aperta dalle 10 alle 19.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage