Sanremo 2021, Amadeus: “Laura Pausini ospite mercoledì”. Fiorello: “Mondo terribile senza gli artisti”

La vincitrice del Golden Globe al primo incontro stampa sanremese: "Innamorata del messaggio di integrazione ed uguaglianza del film". La pandemia tiene banco

Amadeus alla prima conferenza stampa con Laura Pausini in video collegamento

Amadeus alla prima conferenza stampa con Laura Pausini in video collegamento

redazione 1 marzo 2021

Il festival dell’era pandemia inizia con la rituale conferenza stampa del lunedì. Stavolta con la stragrande maggioranza dei giornalisti collegati in streaming e non in presenza. A sorpresa, Amadeus annuncia Laura Pausini, vincitrice del Golden Globe, ospite mercoledì, giovedì un omaggio a Lucio Dalla dei Negroamaro, sabato Umberto Tozzi con la sua band alla quale devolverà contributi ricavati da una raccolta fondi così come più artisti, avverte il conduttore e direttore artistico, devolvono ai loro gruppi il cachet perché lo spettacolo è in gran sofferenza. Naturale parlare dello scenario in tempo di pandemia: evitate però almeno davanti ai cronisti polemiche con il ministro della cultura Dario Franceschini, con il governo o con il comitato tecnico scientifico. Intanto una informazione pratica snocciolata da Amadeus: le serate finiranno verso le 1:30-2:00, con la finale di sabato che terminerà più tardi delle altre.

Il direttore di Rai1 Stefano Coletta introduce al Festival nella conferenza stampa davanti a uno sparuto drappello di giornalisti, i pochi ammessi quest’anno alla sala stampa, separati da pannelli protettori anti-pandemia. Così gli incontri con i cronisti in presenza, più quelli via zoom, si consacrano come show anche su Raiplay. 

Amadeus: Laura Pausini e Tozzi ospiti
Quando prende la parola Amadeus, prima con mascherina poi senza quando interviene al microfono, dice: “Quando ho saputo della Sardegna zona bianca ho esultato, sembra normale, è una quasi normalità e una gioia che provo per la Sardegna e spero sia l’inizio di tante cose belle, come la notizia della possibile riapertura dei teatri e cinema a fine mese”.

 
Poi la novità: “Ci tengo a complimentarmi con Laura Pausini per il Golden Globe e sarà alla serata di mercoledì dove canterà “Io sì”, è la notizia più bella avuto questa mattina". Altro annuncio: “Tra i nomi che verranno a Sanremo – annuncia il direttore artistico - Umberto Tozzi sarà con noi sabato sera con suoi successi e la sua band per una raccolta fondi che sarà destinata alla band, molti devolvono i cachet alle loro band e tutto questo avviene se la macchina riprende”

La notizia di Laura Pausini vincitrice del Golden Globe

La cantante interviene in videochiamata in sala stampa, appare molto emozionata e stanca, spiega che da ieri non dorme. Sul Golden Globe Laura Pausini esclama: ''Non ci sono tante parole, ma solo emozioni che battono senza finire e tanta Italia. Sono in zona arancione in questo momento ma io mi sento bianca, rossa e verde’’. Amadeus ringrazia a nome di tutto il festival. La cantante racconta che il luogo dove canta peggio è proprio Sanremo per via dell’emozione. E descrive il progetto che l’ha portata al premio: si è innamorata del messaggio di integrazione ed uguaglianza, oltre che della canzone, di cui ha fatto la versione italiana. "Un grande onore aver lavorato con Sofia Loren".

Fiorello: “Sarebbe un mondo terribile senza gli artisti, sarebbe grigio”
Fiorello arriva prima con un passamontagna militare che definisce il “proto – protocollo”, poi se lo toglie, compare in mascherina, infine se la toglie e parla di “bella atmosfera”: “Con Amadeus cercheremo di regalare cinque serate spensierate, abbiamo visto a Domenica In che l’80% delle gag dell’anno scorso scelte non erano preparate, quindi non prepariamo niente. Ma se non ci viene niente siamo fottuti. Io e te ora siamo inseparabili, una volta l’anno, neanche Renzi riuscirebbe a dividerci”
Si rivolge con il suo fare scherzoso all’amico Ama: “Hai messo insieme Willie Peyote ed Orietta Berti, sarebbe come mettere Lega e Pd insieme nel governo”. Elogia il sindaco per la ciclabile che arriva fino a Santo Stefano, si dice felice di avere Laura Pausini e sulla platea vuota esclama: “Sono contento, sono curioso, è la mia prima volta senza pubblico, nessuno in sala, milioni a casa. Forse servirà ad avere meno emozione in sala, è un’esperienza nuova, bellissima, non vedo l’ora di farla”. Più in là esclama: “Sarebbe un mondo terribile senza gli artisti, sarebbe grigio”.
Fiorello canta qualcosa? Alla domanda dei cronisti risponde che farà molti giochi musicali anche con ospiti e canterà con Enzo Avitabile come ospite. Ci saranno 300 bottari seduti in sera che suoneranno le botti e faranno una versione tratta dal film 'Passione' di Turturro dove lo showman canterà insieme ad Amadeus, lasciando intendere che canteranno insieme in più momenti, almeno mercoledì. 
Il prossimo anno? ''Amadeus non molla l’osso, Cattelan, De Filippi, mettetevi l’animo in pace”. Il conduttore ribatte che non ci sarà. L’amico-showman allora esorta altri conduttori a farsi avanti “purché sappiate usare i congiuntivi''.  

Il tema della pandemia tiene banco
Perché non hanno risposto al ministro della cultura Dario Franceschini quando ha detto stop al pubblico in sala, domanda un giornalista? ''Il festival di Sanremo è un programma televisivo, la differenza è che si svolge all’interno di un teatro e questo ha scatenato il dibattito sul pubblico. La Rai ha protocolli condivisi con il comitato tecnico scientifico ed hanno una dimensione security – risponde l’azienda - si deve rinunciare al pubblico per il protocollo''
Chiede il cronista del Sole24Ore: è un Sanremo “whatever ti takes?” “Sì – è la risposta - condividendo l’obbiettivo fondamentale di realizzare questo show importante, anche in questo anno difficile”
“Il servizio pubblico deve informare e dare una quota di leggerezza e di evasione, la settimana scompagina le nostre vite verso una spensieratezza, per quanto possibile, misurata e farla con Amadeus e Fiorello ha questo senso - dice il direttore di Rai1 introducendo la conferenza stampa - la costruzione di queste cinque serate va verso il pubblico, loro guardano a chi ha bisogno e chi ha invocato questo sguardo sulla gente ci sorprenderà”
“È uno sguardo perché il mondo della musica ha sofferto per la pandemia – continua Coletta - Il codice di imprevedibilità dei due mattatori è un regalo al profondo delle persone. Loro due ci regaleranno un grande spettacolo. Grazie alle autorità che ci hanno aiutato con tutti i protocolli”

Una domanda riguarda i lavoratori dello spettacolo: alcuni hanno preferito non suonare in solidarietà con chi non lavora per la pandemia, ci sono stati chiarimenti? Risponde Amadeus: “Ci si deve avvicinare ad una normalità piano piano. Sono persone ed istituzioni che devono fare in modo che si riparta da Sanremo. Ci si augura che si possa aprire al più presto alla musica dal vivo in tutti i settori, ma è qualcosa che va affrontato seriamente in altre sedi, loro se lo auspicano”. Per il direttore artistico “non è una mancanza di rispetto regalare cinque serate di intrattenimento, dal momento che è il nostro lavoro”. Afferma di non aver mai pensato di lasciare il festival, ma quando hanno iniziato a parlare del festival con la Rai pensavano per febbraio o marzo di essere quasi fuori dalla pandemia, ma non è andata così e di volta in volta il festival ha dovuto subire modifiche. “La mancanza del pubblico è una grossa mancanza, ma anche se non c’è il pubblico dobbiamo farlo comunque per regalare spensieratezza per la musica e per chi ci lavora”. E sulla presenza di molti nuovi nomi cita i festival del 1961 e ’62 quando si rinnovò: “La musica è importante e oltre che al passato e al presente bisogna guardare al futuro, già in passato Sanremo ha dimostrato come la musica possa essere salvifica”

Ibrahimovic, dallo stadio all'Ariston
Cosa farà Ibrahimovic? “Nella quotidianità è un ragazzo molto simpatico e aggiungerà divertimento allo spettacolo”, afferma Amadeus. Con il campione del Milan ci sarà l’allenatore del Bologna Sinisa Siniša Mihajlović voluto da Zatlan e canteranno “Io Vagabondo” con il conduttore e Fiorello. 

Ecco chi canta domani, martedì:
Nuove proposte (in ordine alfabetico e non di apparizione): Avincola, Elena Faggi, Folcast, Gaudiano
Big (in ordine alfabetico, non di apparizione): Aiello, Arisa, Annalisa, Colapesce - Dimartino, Coma_cose, Fasma, Francesca Michielin e Fedez, Francesco Renga, Ghemin, Irama, Madame, Maneskin, Max Gazzè

E qui chi canta mercoledì: 
Nuove proposte (nell'ordine comunicato in conferenza stampa): Sciorti, Dell’Ai, Greta Zuccoli, Rongonyou
Big (in ordine alfabetico, non di apparizione): Bugo, Gaia, Ermal Meta, Extraliscio, Gio Evan, Fulminacci, La rappresentate di lista, Lo stato sociale, Malika Ayane, Noemi, Orietta Berti, Random, Willie Peyote

Di seguito l’ordine delle co-conduttrici  
Martedì Matilde De Angelis 
Mercoledì Elodie
Giovedì Vittoria Ceretti 
Venerdì Barbara Palombelli più Beatrice Venezi alla presentazione della semifinale e finale giovani 
Sabato Simona Ventura, Serena Rossi, Tecra e Giovanna Botteri 

A cura di Chiara Guzzarri e Stefano Miliani