Camilleri: Salvini ricordi Mussolini, acclamato e poi finito a testa in giù

Lo scrittore a Radio Capital avvisa: “Rischiamo di tornare al fascismo”. E sui 5 Stelle: “Subalterni alla Lega”

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri

redazione 10 settembre 2018

Il padre del commissario Montalbano, Andrea Camilleri, a 90 anni ha la memoria perfetta. E a Radio Capital, alla ripresa del programma “Circo Massimo” di Massimo Giannini, ricorda nitidamente di aver vissuto a sufficienza da aver sentito “le acclamazioni a Benito Mussolini dalle stesse persone che l'appesero. Attenzione ai grandi consensi: è facile passare dalla grandissima passione amorosa all'odio. Al posto di Salvini avrei paura di tutto questo consenso". Il rimando alla dittatura del Duce non è casuale. Lo preoccupa molto che il fascismo possa rinascere: “Rischiamo di tornarci. Molto spesso – ha detto alla radio - vengono a trovarmi ragazzi del liceo e mi chiedono di spiegargli il fascismo. Mi atterrisce che la scuola o chi ne fa le veci non spenda una parola, o la spenda male, sul fascismo. E ho paura che l'araba fenice possa rinascere, non dalle sue ceneri ma dall'ignoranza".
“Quelli del M5S non hanno spinta ideale”
Camilleri non risparmia neanche i pentastellati. Non prova per loro “nessuna simpatia. Sono bastati pochi mesi di governo per dimostrare la loro subalternità alla Lega. All'interno non hanno spinta ideale. Di certo non hanno preso provvedimenti di sinistra... Salvini impera e fa dei diktat, mentre il M5S va a rimorchio: se poteva avere una funzione, non l'ha voluta esplicare. O, peggio ancora, non l'ha potuta esplicare".
A un governo di destra purtroppo non si contrappone una sinistra con sufficiente vigore e vitalità. “È problematico dire che esiste ancora, ma ha ancora ragion d'essere, e per questo sono certo che resisterà", risponde lo scrittore. Che intende restituire alcune delle tantissime onorificenze ricevute. “Anni fa il governo ungherese mi mandò un attestato, che conservo appeso al muro del mio studio, in cui mi ringraziavano per l'aiuto ai profughi ungheresi. Visto quello che sta facendo Orban, vorrei restituire anche questo. Alzare muri non significa solo chiudersi in casa con il proprio nemico ma mettersi dentro una cassa da morto. L'avvenire è per forza di cose un rinnovamento di pensiero. Se rifiutiamo questo, ci chiudiamo in una bara".