Top

Copyright sul web, l'Ue vota sì alla legge sul diritto d'autore

L'Europarlamento ha approvato la legge. I favorevoli: si tutela chi crea contenuti. I contrari temono limiti alla libertà. Wikipedia non viene toccata. Chi ha votato sì e no dei partiti italiani

Copyright sul web, l'Ue vota sì alla legge sul diritto d'autore

redazione

26 Marzo 2019 - 18.59


Preroll

Con 348 voti favorevoli, 274 contrari e 36 astenuti l’Europarlamento a Strasburgo ha approvato in via definitiva le nuove norme sul copyright nel web. A febbraio era stato siglato un accordo provvisorio. Le norme Ue sul diritto d’autore nelle dichiarazioni vogliono permettere a chi scrive o crea contenuti online e ai loro editori di trattare sul fronte economico con i colossi di internet. L’Europarlamento garantisce che le nuove regole non intaccano la libertà di espressione. Contro questa legge Wikipedia Italia ieri si era auto – oscurata. Ma Wikipedia non verrebbe toccata dalla legge.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La legge permette agli editori di farsi pagare, attraverso accordi, dalle piattaforme commerciali quando usano e diffondono i loro contenuti, ma gli editori devono dividere quanto ricavano da questi accordi con i giornalisti. Non fanno parte della legge gli “snippet brevi”, vale a dire le sintesi sulle ricerche di google.

Middle placement Mobile

Riguardo alle piattaforme social come Facebook, Instagram, Youtube, Pinterest, se un utente carica un contenuto altrui protetto da copyright non rischia sanzioni e ne risponde la piattaforma. Vale per quelle grosse, le piccole piattaforme ne sono escluse, le piattaforme medie si trovano in una posizione intermedia e hanno doveri ridotti rispetto alle grosse piattaforme.

Dynamic 1

Se un contenuto viene rimosso, per contestare la rimozione piattaforme come YouTube o Facebook devono gestire il caso attraverso persone, non algoritmi, e in tempi rapidi.

Le enciclopedie opensource come Wikipedia non vengono scalfite dalla nuova legge. Lo stesso discorso vale per i meme, le gif, i collage che fanno parodia o satira, i collage. È in sostanza escluso chi condivide contenuti senza avere uno scopo commerciale.

Dynamic 2

Dei parlamentari italiani hanno votato sì quasi tutto il Pd (tre i contrari), Forza Italia e gli eurodeputati italiani di Ecr. Contrari i Cinque Stelle (una astenuta), Lega, Elly Schlein e Sergio Cofferati (S&D), Marco Affronte (Verdi) Eleonora Forenza e Barbara Spinelli (Gue).

Si dicono soddisfatti Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione Italiana Editori (Aie) e Fabio Del Giudice, direttore di Confindustria Italia, che ritiene la legge un primo passo che potrà compensare in modo giusto “chi vede i propri contenuti circolare nel web”.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage