Maaza Mengiste, la scrittrice che racconta la Resistenza etiope al fascismo

L'autrice vive negli Stati Uniti e ha pubblicato il romanzo "The Shadow King": prende spunto dalle donne che combatterono l’invasione voluta da Mussolini

Combattenti etiopi nella guerra contro l’invasione italiana. Fonte Wikipedia

Combattenti etiopi nella guerra contro l’invasione italiana. Fonte Wikipedia

redazione 28 gennaio 2020
Maaza Mengiste è una scrittrice etiope-americana nata nel 1974 ad Addis Abeba. A quattro anni la famiglia fuggì dal paese. Vive negli Usa, ha studiato anche in Italia, nel 2010 aveva pubblicato il romanzo Beneath the Lion’s Gaze (tradotto da noi dalla casa editrice Neri Pozza con il titolo Lo sguardo del leone, è sulla guerra civile e sul regime di terrore dopo il colpo di stato di Menghistu nel 1974). La scrittrice ha da poco licenziato nel mercato anglosassone la sua seconda prova narrativa, The Shadow King (Canongate, 16.99 sterline, oppure tramite il guardianbookshop.com).
Il romanzo investe direttamente la nostra storia perché la scrittrice, come ha spiegato al Guardian, rilegge e re-immagina l’invasione dell’Etiopia a opera di Mussolini basata su vicende reali: il ruolo delle donne etiopi nella Resistenza alle truppe del fascismo delle quali fece parte anche sua bisnonna combattendo in prima persona sul fronte. Perché il regime mussoliniano ha incontrato la Resistenza anche africana.

Maaza Mengiste ha condotto ricerche in prima persona in Etiopia. E sa l’italiano. Per il suo primo romanzo era andata in Calabria perché “molti dei fanti nel 1935 venivano dalla Calabria e dalla Sicilia mentre i generali erano dall’Italia settentrionale. Il sangue della gente del sud Italia è nel terreno etiope”, ha riferito al quotidano britannico. Al quale ha ricordato un episodio avvenuto alla presentazione del primo romanzo in una libreria calabrese. Un uomo, ha raccontato, «visibilmente scosso ed emozionato, disse: “Mio padre era un pilota durante la guerra e lanciò veleno sulla vostra gente. Come posso chiedere perdono?” »“. Al che la scrittrice ha compreso che molta di quella storia vada ancora raccontata. E l’ha narrata, in forma di romanzo, non in un libro storico. Chissà se The Shadow King viene già o verrà tradotto anche da noi.