Top

"Quassù su questa terra che racconta": a Sant'Anna di Stazzema due giorni di teatro per tenere viva la memoria

Il festival organizzato da Elisabetta Salvatori e La Bottega del teatro, vedrà susseguirsi quattro spettacoli tra l'8 e il 9 agosto.

"Quassù su questa terra che racconta": a Sant'Anna di Stazzema due giorni di teatro per tenere viva la memoria
Il Monumento ossario di Sant'Anna di Stazzema

redazione

5 Agosto 2022 - 18.57


Preroll

Saranno due giorni di teatro quelli a Sant’Anna di Stazzema (Lucca) in occasione del festival “Quassù su questa terra che racconta” di Elisabetta Salvatori e La Bottega del teatro. Quattro gli spettacoli, in programma tra l’8 e il 9 agosto, per tenere viva la memoria degli abitanti del quartiere Corea a Livorno, ricostruito dopo la guerra, e le storie di uomini mai ritornati dai fronti dove combattevano, con il tradizionale spettacolo di Elisabetta Salvatori “Scalpiccii sotto i platani”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Come spiegano gli organizzatori la rassegna è nata sull’impulso dell’associazione Martiri di Sant’Anna ed è curata dal Parco nazionale della pace di Stazzema, vedendo alternarsi quattro attori impegnati in altrettante rappresentazioni.

Middle placement Mobile

Aprirà il festival l’8 agosto alle 19.30 “Corea. Una questione di geometrie”, opera scritta e recitata da Fabrizio Brandi, per proseguire, alle 21.30, con “Filippo vostro. Storie della ritirata di Russia”, di e con Luca Barsottelli e la collaborazione drammaturgica di Francesco Niccolini. Il giorno successivo andrà in scena “Scalpiccii sotto i platani”, sceneggiatura scritta e interpretata da Elisabetta Salvatori con al violino Matteo Ceramelli, per proseguire, alle 21.30, con “Marocchinate. Aspettavamo ji salvatori… so’ arrivati ji diavoli” di Simone Cristicchi e Ariele Vincenti, con Ariele Vincenti e la regia di Nicola Pistoia.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile