A Verona scoperto un complesso romano in un vecchio cinema. "Richiama Pompei"

Il ritrovamento nella ristrutturazione dell'ex cinema Astra "richiama Pompei e le città vesuviane'', afferma la Soprintendenza. Laboratori e giochi a Ostia Antica e Fiumicino

Scoperta Archeologia nell'ex cinema Astra, Verona

Scoperta Archeologia nell'ex cinema Astra, Verona

Redazione 16 giugno 2021

In occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia, promosse a livello europeo dall'Inrap (Istituto nazionale delle ricerche archeologiche preventive), sono state organizzate tre iniziative gratuite, sia per gli adulti che per i più piccoli, nelle aree archeologiche di Ostia Antica e Fiumicino 

Le attività previste partono da venerdì 18 giugno alle ore 16 con "Frammenti di storie: faccia a faccia con gli antichi ostiensi", ovvero un laboratorio per adulti seguito dall'antropologa del Parco Paola Francesca Rossi, la quale illustrerà al pubblico la storia e tutte le informazioni ricavate dalle ossa degli antichi abitanti di Ostia. Successivamente, sabato 19 nell’area archeologica dei Porti imperiali a Fiumicino, vi saranno i laboratori didattici (esclusivamente su prenotazione cliccando qui) per bambini "Cercasi scheletro!" e "Occhio ai colori" con Serena Vaccaro e Maurizio Milana, che si svolgeranno in contemporanea su due turni: alle 11 e alle 16. Infine, il 20 giugno alle ore 11, nell'area archeologica di Ostia Antica, i più giovani potranno mettere alla prova il loro senso dell'orientamento in una "caccia al mosaico", attraverso gli indizi in rima dell'archeologo Franco Tella.

 

Anche a Verona l’archeologia continua ad essere la protagonista della scena: sembra infatti che nel sottosuolo della Verona romana dell'epoca imperiale sia stato scoperto un complesso del II secolo, di funzione ancora sconosciuta ma che pare richiamare la Pompei del sedicesimo secolo, sopravvissuto alla distruzione di un incendio. Il complesso è emerso durante gli scavi nell'interrato dell'ex cinema Astra, nel centro storico della città scaligera vicino a Porta Borsari. La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio ne ha dato subito la notizia, sottolineando quanto questo evento si avvicini a Pompei e ad altre città vesuviane.

 

Dopo 15 anni dalle prime indagini, i nuovi proprietari dell’immobile ormai inutilizzato da anni in via Oberdan, ovvero la strada che collega Porta Borsari a piazza Bra, hanno dato il via al progetto di ristrutturazione, ed i ritrovamenti emersi negli ultimi giorni confermano la straordinarietà del complesso di età romana imperiale. Tutti i particolari però su questo importante ritrovamento archeologico, saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà a Verona giovedì 17 giugno, alle ore 12.