Spazio alle donne nella storia: in arrivo la serie ''Domina'' su Livia Drusilla

Kasia Smutniak interpreterà il ruolo della moglie del primo imperatore romano nella fiction in onda dal 14 maggio su Sky e Now e girata tutta a Cinecittà

Kasia Smutniak in "Domina"

Kasia Smutniak in "Domina"

Redazione 11 maggio 2021

Sebbene non sempre ci vengono raccontate tra i banchi di scuola, anche le donne hanno avuto dei ruoli estremamente importanti nel corso della storia, e Livia Drusilla ne è la prova. 

Livia Drusilla, conosciuta come la terza moglie del primo imperatore di Roma Giulio Cesare Ottaviano Augusto per ben 51 anni, è stata una donna intelligente, coraggiosa ed intraprendente, ma non solo, riuscì inoltre a diventare un consigliere politico durante gli anni in cui il marito era al trono. La sua vita ora è stata rappresentata in ''Domina'', una serie tv su quegli anni romani a cavallo tra l'era prima e dopoo Cristo e composta da otto episodi e che sarà disponibile, a partire dal 14 maggio, su Sky e Now.  

E' stata girata interamente negli studios di Cinecittà grazie al regista Claire Mccarthy insieme a David Evans e Debs Paterson, ma l’intera serie, come spiega Nils Hartmann che è Senior Director Original Productions Sky Italia, è stata ideata da Simone Burke, sceneggiatore inglese, il quale è riuscito a rendere protagonista la storia di una donna al potere in un particolare momento storico come quello: l’antica Roma.   

Kasia Smutniak, che interpreterà Livia Drusilla, afferma:"Mi ha affascinato che il progetto fosse costruito intorno a una figura storica fondamentale per la sua epoca ma raccontata così poco e così poco conosciuta oggi - spiega nella conferenza stampa in streaming -. Parlarne mi è sembrato importante ancora di più nel momento che viviamo. Abbiamo bisogno di storie su donne forti ma anche fragili e soprattutto che hanno avuto un grande impatto. E farlo in un progetto che racconta l'epoca da un punto di vista femminile, attento alla verità dei fatti, è necessario". Il resto del cast è composto da Matthew McNulty nei panni di Augusto, ma interpretato nei primi due episodi da a Tom Glynn-Carney; Christine Bottomley nel ruolo di Scribonia, la prima moglie di Augusto e nemica di Livia, Colette Dalal Tchantcho che interpreterà Antigone, una schiava liberata e migliore amica di Livia ed Enzo Cilento che rappresenterà invece la figura di Tiberio Claudio Nerone, primo marito di Livia. Fra gli interpreti anche Liam Cunningham nel ruolo di Livio, padre di Livia, Isabella Rossellini che tratteggia la matrona di un lupanare, Balbina e infine Claire Forlani presta il volto a un'altra delle donne forti della serie: Ottavia, una figura femminile saggia e sorella di Augusto.

 

''Domina l'abbiamo immaginato come un thriller forte a livello psicologico e un dramma storico. Abbiamo lavorato sulle ombre di certi accadimenti, cercando un ritmo e una forma che rendessero la trama rilevante per il pubblico di oggi", afferma il regista. Mentre Burke sottolinea: ''Noi l'abbiamo scritto durante la presidenza di Donald Trump e nel vedere come gli americani stessero distruggendo la loro di democrazia, certa corrispondenza mi hanno dato i brividi".