Padova: riscoperti brani pittorici di Giotto durante il restauro

La Delegazione Pontificia della Basilica del Santo e il Comune di Padova hanno promosso un lavoro di manutenzione nell'arco della Cappella di Santa Caterina: sono emerse parti originali del pittore

Dettaglio della pittura di Giotto durante il restauro nella Cappella di Santa Caterina

Dettaglio della pittura di Giotto durante il restauro nella Cappella di Santa Caterina

Redazione 28 agosto 2021

Nell’arco della Cappella di Santa Caterina, nella Basilica del Santo a Padova, è stato avviato il restauro degli affreschi di Giotto, e durante il lavoro di consolidamento della superficie pittorica sono state svelate parti di pittura originali mai viste prima d’ora.  

Il lavoro di restauro, promosso dalla Delegazione Pontificia della Basilica del Santo (Sant'Antonio) in collaborazione con il Comune di Padova e la Fondazione Cariparo, attraverso un attento intervento a bisturi, è riuscito ad eliminare delle componenti che non erano mai stati rimosse fino a quel momento e che rendevano difficile, di conseguenza, la visione delle parti originali di Giotto. Il delicato intervento ha messo in luce il policromato delle vesti, il colore rosato delle carnagioni ed il chiaroscuro di alcuni volti e mani.  

Le dorature delle aureole ora visibili inoltre, risalgono al restauro avvenuto nel 1923, ma una traccia della doratura originale sembra esser stata conservata nell’asta della Croce tenuta in mano da una delle sante ritratte dal pittore nella parte interna dell’arco. Non solo, secondo quanto svelato, sono adesso leggibili i disegni di alcune coroncine poste sulle teste delle sante, tutte realizzate dall'artista a mano libera.