Riattaccato il dito alla santa del Bernini. I critici: "Spostata inutilmente"

La Santa Bibiana di nuovo integra ma il trauma poteva essere risparmiato

La Santa Bibiana del Bernini con di nuovo il dito. Foto Soprintendenza Speciale di Roma

La Santa Bibiana del Bernini con di nuovo il dito. Foto Soprintendenza Speciale di Roma

redazione 4 maggio 2018

La Santa Bibiana di Gian Lorenzo Bernini ha di nuovo il suo anulare della mano destra. La Soprintendenza Speciale di Roma ha comunicato che “il riposizionamento dell’anulare è perfettamente riuscito: l’intervento è avvenuto per opera della ditta Cbc, che ha curato il recente restauro della statua di Gian Lorenzo Bernini”.

La scultura aveva perso il dito, staccato di netto, mentre veniva ricollocata nella nicchia della chiesa di Santa Bibiiana dopo essere stata inserita in una mostra alla Galleria Borghese. Il sito “emergenza cultura” ricorda come la statua sia stata spostata per la prima volta dal suo posto, dal primo ‘600, che era già stata restaurata nel 2000 e che “non c’era nessun bisogno di sradicarla dal contesto”, cioè toglierla dall’altare maggiore nella parrocchia di Santa Bibiana per una mostra a pochi chilometri di distanza.


Sul distacco le istituzioni sono state silenti. Sul restauro invece la Soprintendenza speciale di Roma ha diramato prontamente una nota: “L'intervento è avvenuto per opera della ditta Cbc, che ha curato il recente restauro della statua di Bernini".
Il dito si è staccato mentre la Santa Bibiana veniva ricollocata nella nicchia. "La rottura risultava netta e lineare, mentre il dito cadendo non ha subito ulteriori frammentazioni, e non si è registrata alcuna perdita di materiale. Tutte circostanze che hanno permesso un perfetto restauro della mano". I critici però hanno ragione: il distacco resta un trauma ed è quanto meno discutibile che fosse necessario spostare la scultura per una mostra.


 


La statua del Bernini perde un dito, ma le autorità hanno taciuto