Il "Giffoni Film Festival" riserva 1000 posti ai vaccinati

Una proposta originale nata da un’idea del suo storico fondatore, con l’obiettivo di sensibilizzare i genitori italiani a proteggere i loro figli in un momento emergenziale per il Paese

In foto Claudio Gubitosi

In foto Claudio Gubitosi

Redazione 8 gennaio 2022
Anche il Giffoni Film Festival promuove la campagna vaccinale e lo fa attraverso l’appello lanciato da Claudio Gubitosi, direttore del celebre festival cinematografico per bambini e ragazzi.

L’idea per l’edizione 2022 è di assegnare cinquecento posti in giuria a tutti i bambini e i ragazzi campani, d’età compresa tra i cinque e i dodici anni, che avranno completato il ciclo delle vaccinazioni. Ulteriori cinquecento posti saranno riservati agli adolescenti tra i tredici e i sedici anni, provenienti da qualsiasi regione italiana, che attesteranno la somministrazione del vaccino anti Covid-19.
Il patron di Giffoni, giunto alla sua cinquantaduesima edizione, ritiene che la kermesse cinematografica non possa rimanere inerme di fronte alla nuova emergenza sanitaria che ha colpito l’Italia e prova a convincere i genitori a vaccinare i propri figli.

Chiare e inequivocabili le parole di Gubitosi: “Il Green Pass diventa così un super pass per Giffoni, il lasciapassare perché il sogno della normalità possa finalmente essere esaudito; sono certo che agendo responsabilmente, con serietà e senso civico, riusciremo davvero a mettere la parola fine a questo incubo”.