L’Agi: l’SS delle armi segrete di Hitler non morì nel 1945 e gli Usa sapevano

Due documenti provano che il generale nazista Hans Kammler era in mano dei militari statunitensi quando era dato per morto

Una foto del generale Ss Hans Kammler

Una foto del generale Ss Hans Kammler

redazione 20 agosto 2019
Hans Kammler, generale delle Ss e uomo di fiducia di Hitler, è stato dato per morto e, secondo un tribunale, si suicidò nel 1945. Invece Roberto Brunelli, dell’agenzia Agi, rivela e dimostra che quel militare in grado probabilmente di progettare una bomba atomica fu preso in consegna dall’esercito americano.

Il giornalista si è già occupato della vicenda misteriosa e scottante sul quotidiano La Repubblica. Adesso pubblica documenti inediti scoperti e concessi dal regista austriaco Andreas Sulzer e dall’ingegnere polacco Marek Michalski, a guida dei musei dei lager di Treblinka e Stutthof. Carte alla mano quei documenti dimostrano che militari stanunitensi presero in consegna il criminale nazista, nel maggio 1945, mentre erano  circolate più versioni sulla sua morte e non lo processarono a Norimberga al pari di altri gerarchi. Eppure ce n’era di che condannare il generale: fu considerato responsabile anche di stragi.

Oltre ad aver progettato le camere a gas di Auschwitz, Kammler diresse il  campo di concentramento di Gusen, nell’Alta Austria, un inferno dove i prigiornieri schiavi costruirono una rete di gallerie sotterranee e dove nazisti costruivano e sperimentavano armamenti tra cui i nuovi e micidiali Messerschmitt a reazione, molto più veloci dei tradizionali caccia in volo all’epoca: forse lì i nazisti stavano anche progettando la costruzione della bomba atomica. In quella zona, ricorda Brunelli, analisi del 2012 hanno registrato livelli di radioattività troppo elevati.

I documenti delle forze armate statunitensi che citano Kammler in vita (quindi dopo la presunta morte in aprile) pubblicati dall’Agi risalgono uno al 30 maggio 1945 e l’altro 2 novembre 1945. Il secondo è una lettera in cui un alto ufficiale raccomanda di interrogare “di persona” Kammler oltre che Speer, l’architetto amato dal dittatore nazista. Quindi era il generale in vita e i militari Usa lo sapevano e sapevano dove si trovava. Dove finì, il nazista che deteneva le informazioni mai rivelate sulle armi segrete di Hitler? Fu nascosto? Dove? Sotto altro nome?