Saviano al Salone del libro: "Oggi sarei più prudente su Gomorra"

Lo confessa lo scrittore a Rainews. Gran folla fin dall'inizio alla fiera torinese

Roberto Saviano

Roberto Saviano

redazione 11 maggio 2018

Roberto Saviano al Salone del Libro di Torino confessa che oggi, scrivendo “Gomorra”, sarebbe più prudente. Arrivato come sempre e necessariamente scortato, lo ha dichiarato a Carlotta Macerollo di RaiNews. Le sue parole alla giornalista: “Una volta scritto il libro non è più dell'autore è mai come in questo caso avrei voluto strapparlo e non vederlo più. Ora lo difendo, ma tornando indietro, potendo scegliere, sarei più prudente, si poteva essere più prudenti".


Nel frattempo il festival dei libri è partito con tutte le grandi case editrici e una gran folla, molte le scolaresche, che hanno costretto anche addetti ai lavori e giornalisti a mettersi in buon ordine come tutti e a fare lunghe code. Gran folla per la lectio magistralis dello scrittore spagnolo Javier Cercas sull'Europa e l'eroismo della ragione.
Qualche cifra: 13mila metri quadri di spazi venduti, 30mila studenti prenotati, 300 partecipanti all'International Book Fair all'Oval, il nuovo padiglione con gli editori che non hanno trovato spazio al Lingotto Fiere.