Il sangue delle donne: incanto e sgomento, basta tabù

Dalle mestruazioni alla menopausa, un volume di testi e opere d'arte affronta con coraggio un tema spesso evitato

Takoua Ben Mohamed, Le mie cose, 2017 (part.). Courtesy Ben Mohamed for Fondazione Pasquale Battista

Takoua Ben Mohamed, Le mie cose, 2017 (part.). Courtesy Ben Mohamed for Fondazione Pasquale Battista

redazione 31 gennaio 2019
Le mestruazioni, il ciclo, la menopausa, il “sangue delle donne” è un argomento ancora tabù, soprattutto per gran parte del mondo maschile. Affiancando arte, letterature, indagine scientifica e quadro sociale osa affrontare il tema "Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco": si tratta di un libro curato da Manuela De Leonardis (Postmedia Books, pp. 192, € 21,00, in italiano e inglese, tradotto da Edvige Nanni, pubblicato con il supporto della Fondazione Pasquale Battista) che si inserisce in un progetto artistico ideato e curato da Manuela De Leonardis la quale ha affidato a 68 artiste vecchi “panni di lino”, un tempo usati per tamponare e assorbire il flusso mestruale, affinché creassero opere d’arte.

Con testi a firma di una psicanalista, di storica dell’arte, di una etnologa, di un ginecologo ed esperti di altre discipline, il volume comprende le opere delle artiste e loro brani scritti. Da oggi 31 gennaio potete acquistare il libro andando sul sito www.fondazionepasqualebattista.it