Com'è diventata razzista l'Italia? Per capirlo Ezio Mauro parte da Traini

In un saggio-reportage l'ex direttore della Stampa e Repubblica ricostruisce la figura del mancato omicida e allarga il quadro al paese

Luca Traini

Luca Traini

redazione 16 ottobre 2018

"Una mutazione profonda sta investendo il nostro concetto di democrazia. È questa la posta in gioco dell'ultimo libro di Ezio Mauro intitolato L'uomo bianco". Lo ha scritto Massimo Recalcati sulla Repubblica a proposito dell'ultima fatica dell'ex direttore del quotidiano, un libro-inchiesta scaturita dal plurimo tentato omicidio da parte di Luca Traini contro africani a Macerata, il 3 febbraio scorso, atto terroristico (praticamente parlando quello è) che sembra aver contribuito al voto alla Lega in quelle terre.
Il volume (Feltrinelli, pagine 138, euro 15) pone una domanda nella scheda dell'editore: "Dove comincia e dove finisce, come cambia la normalità italiana?
I malumori, tornatene al tuo Paese, i calci, i pugni, l’insofferenza: “Perché sei qui, negro di merda?” ". Il giornalista, già direttore della Stampa, chiamato "furetto" da molti colleghi per la sua capacità di fiutare e trovare notizie, vede in atto "un cambiamento collettivo, una scala privata, invisibile, che scendiamo passo dopo passo, fino all’intolleranza, finché qualcuno spara ai “negri”. E proprio in quel momento, se guardiamo chi impugna il fucile, vediamo materializzarsi l’uomo bianco, ciò che certamente noi siamo ma che non ci siamo mai accontentati di essere". E l'inchiesta di Mauro registra come l'attacco di Luca Traini non sia un gesto scaturito dal nulla quanto sia maturato in un terreno fertile. Il reportage, indica sempre l'editore Feltrinelli, indaga sulla "storia di Traini, vittima dei bulli da adolescente, costretto al precariato da uno stato che non tutela più il lavoro da adulto e, infine, radicalizzato in un’ideologia pericolosa sfociata inevitabilmente nella violenza". E l'inchiesta " allarga la cronaca a un'indagine su una mutazione culturale. Quella dell'Italia e della deriva razzista".
Ezio Mauro, "L'uomo bianco", Feltrinelli, pagine 138, euro 15