Alessandra Petrucci neorettrice di Firenze: è la seconda donna dopo la Sapienza 

La docente di statistica sociale eletta a sorpresa con l’80% dei voti all’università. Entra in uno scenario difficile per un’inchiesta su una presunta “concorsopoli” che coinvolge l’ex rettore

Alessandra Petrucci

Alessandra Petrucci

Redazione 5 giugno 2021
Dopo la Sapienza di Roma, che a dicembre ha eletto a rettrice Antonella Polimeni, un’altra università ha per la prima volta alla guida una donna: quella di Firenze che ieri 4 giugno ha votato a favore di Alessandra Petrucci, ordinaria di Statistica sociale nell’ateneo, nata a Milano nel 1962. Due donne non sono ancora una prova, per lo meno un indizio sì che i posti al vertice stanno forse, pur se molto lentamente, smettendo di essere appannaggio degli uomini ed esclusi alle professioniste perché sono donne. Alessandra Petrucci vuol farsi chiamare “rettrice”, visto che oggi buona parte del dibattito spesso si concentra sul termine da usare. Nell’ateneo il 70% dei docenti è uomo.

Con una votazione online che ha favorito una partecipazione più forte del passato tra docenti e non docenti, Petrucci ha avuto 1.121 voti mentre l’altro candidato, Gaetano Aiello, 676; 73 le schede bianche su 1.868 voti totali. Altissima la percentuale a favore della studiosa di statisica: l’80,31%. Il voto del personale tecnico e amministrativo pesa per il 25%. Le previsioni prima del voto? Davano più Aiello come vincente. Invece ha vinto la professoressa sorprendendo tanti. Terrà le fila dal 2021 al 2027. 

La docente prende il posto di Luigi Dei, rettore che si è dimesso ed è stato interdetto per cinque mesi dalle sue funzioni su decisione del gip del Tribunale di Firenze su richiesta della Procura in seguito a un’indagine che lo vede tra gli indagati su presunti concorsi di medicina pilotati. L’inchiesta ha scosso profondamente la città e il suo mondo universitario, soprattutto dopo che molti hanno letto intercettazioni di registrazioni telefoniche su cui sarà la magistratura a valutare se avranno rilevanza penale oppure no ma che hanno turbato tantissimi docenti, ricercatori, studenti, tecnici e amministrativi. L’ateneo fiorentino attraversa infatti un periodo complesso ed è ora diretto dal prorettore Andrea Arnone. Non è escluso che la neorettrice debba pertanto entrare in funzione prima dei normali tempi di avvicendamento che la vedrebbero insediarsi a novembre.

«Veniamo da un momento molto difficile – commenta la neo eletta sul Corriere Fiorentino di oggi 5 giugno - ma bisogna ripartire con velocità, in sprint, siamo pronti, tutti insieme ce la faremo. Dobbiamo cominciare subito a lavorare sui meccanismi dell’università per dare un segnale forte alla cittadinanza: l’università è ricchezza e fulcro di conoscenza, è importante per la ripartenza del Paese». Sull’essere la seconda donna a guidare un ateneo osserva: «Non è solo un caso. E speriamo non sia un solo caso»

Clicca qui per il sito di Alessandra Petrucci

Alessandra Petrucci insegna al Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni «Giuseppe Parenti». Tra altri incarichi ha presieduto la Conferenza dei Direttori dei Dipartimenti delle Scienze Economiche e Statistiche nel 2019-2020, dirige il Dipartimento dal 2016, è stata nel che nel Cda dell’ateneo dal 2013 al 2016.