Vince il puritanesimo: Mapplethorpe censurato e il direttore se ne va

In Portogallo si dimette il responsabile del museo d'arte contemporanea della Fondazione Serralves per foto sadomaso tolte da una mostra

Robert Mapplethorpe

Robert Mapplethorpe

redazione 24 settembre 2018

Le foto di Robert Mapplethorpe restano materia spesso incendiaria. A Porto, in Portogallo, il museo d'arte contemporanea della Fondazione Serralves ha rimosso una ventina di scatti del fotografo statunitense da una mostra e di conseguenza il direttore artistico João Ribas si è dimesso dopo appena otto mesi.


Ribas ha organizzato e curato la mostra “Robert Mapplethorpe: Pictures”. Ma al vernissage del 20 settembre mancavano venti delle 179 foto previste. Erano gli scatti sado-maso nella New York degli anni '70. Il museo aveva deciso di avvisare del contenuto esplicito delle immagini, e su questo Ribas era concorde, però contesta che sia l'istituzione a decidere, separare o decidere cosa possono vedere e cosa non possono vedere le persone. Ribast ha contestato anche il divieto agli under 18 perciò si è dimesso. E al giornale Pubblico ha dichiarato: "Viviamo in tempi di profonda incertezza politica, con l'emergenza di un populismo di destra, di un ultra nazionalismo, e minacce alle libertà artistica e accademia. La Serralves Foundation ha perso l'occasione di sostenere quei valori che dovrebbero sostenerla come casa della cultura, del pensiero e della libertà, e ha invece scelto di soccombere al puritanesimo morale e al conservatorismo sociale".